martedì 17 dicembre 2013

17. Le Palme


Alte e maestose, le palme mossero le fronde al vento, sussurrando lodi al bambino Gesù

Natale
Maria dentro la grotta si posò,
e Giuseppe a Betlemme s'avviò.
ma, d'un tratto, sentì che, mentre andava,
a mezzo il passo il piè gli s'arrestava.
vide attonita l'aria e il cielo immoto
e uccelli starsi fermi in mezzo al vuoto;
e poi vide operai sdraiati a terra;
e posata nel mezzo una scodella;
e chi mangiava, ecco, non mangia più,
chi ha preso il cibo non lo tira su,
chi levava la man la tien levata,
e tutti al cielo volgono la faccia.
Le pecore condotte a pascolare
sono lì che non possono più andare;
fa il pastor per colpirle con la verga,
e gli resta la man sospesa e ferma;
e i capretti che all'acqua aveano il muso
ber non possono al fiume in sè rinchiuso....
E poi Giouseppe vide in un momento
ogni cosa riprender movimento.
Tornò sopra i suoi passi, udì un vagito,
Gesù era nato, il fiore era fiorito.
(Diego Valeri)
 



Lo sapevate? da tesseellelle è in corso un Blog Candy di Natale, ci si può iscrivere fino al 20 dicembre, io ci sono, e voi?


E domani vi presenterò le mie compagne per il Blog-Pal+Swap di dicembre. Venite a conoscerle!

2 commenti:

  1. la poesia è stupenda!anche queste dolcissime calze ....bacioni simona

    RispondiElimina

Grazie per essere state mie gradite ospiti. Mi farebbe piacere sapere cosa ve ne pare di quello che avete visto. E se vi è piaciuto..... ditelo alle amiche!
Thank you for being my kind guests. Your comment would be appreciated.