venerdì 27 dicembre 2013

Il panettone




Ehilà, come procedono le feste? Mangiato tanto? Vabbè, non mi dite che non c'è un pochino di posto per una bella fetta di panettone..........

                                      tradizionale, con uvetta e canditi


ricoperto di meringa e granella di nocciola


 sormontato da cremina allo zabaione o al cappuccino.
Ma ... conoscete la storia di questo dolce tipico del Natale?
Accomodatevi vicino all'albero e al presepe e ascoltate...
Pare che il panettone sia stato inventato qualche secolo fa da Toni, aiutante di cucina degli Sforza, che un giorno raccolse gli avanzi di altri manicaretti e cercò di preparare qualcosa per festeggiare il Natale con gli amici. Ma proprio il giorno di Natale il capocuoco, per una sbadataggine, aveva bruciato i dolci preparati per il suo signore. Allora Toni, per rimediare, gli offrì il suo dolce a forma di cupola, anche se dubitava della sua bontà. Invece, il duca Ludovico gradì il dolce e, non solo si complimetò di persona con l'ideatore, ma volle dare al dolce il nome di "pan de Toni", diventato poi col tempo "panettone".
Un'altra storia racconta che il giorno di Natale il cuoco degli Sforza, Toni, per sbaglio rovesciò sul tavolo da cucina diversi ingredienti che doveva usare per preparare un dolce. Non potendo separarli, decise di impastarli insieme e nacque così il panettone.
Una terza storia ci dice che un certo Toni, modesto panettiere milanese, aveva una figlia di cui era innamorato un nobile cittadino. Non potendo dargli la figlia senza dote, inventò un dolce particolare chiamato "pane di Toni", che ebbe fortuna e fece della ragazza un ottimo partito.
Ma, leggende a parte, il panettone ha in sè una setrie di simboli ci attinenza cristiana: è fatto di farina di frumento, uva passa e scorze di arancia candite e simboleggia il calore del sole; inoltre, tra gli ingredienti ci sono anche burro e uova, e questo ricorda il contributo del regno animale alla festa della luce cristiana. 
Però fu solo dopo la seconda guerra mondiale che il panettone ha avuto un posto d'onore tra i dolci natalizi.

Vi è piaciuta la storia? Allora tornate per altre storie di Natale e ... buona continuazione di vacanze.


12 commenti:

  1. ma è stupendo questo panettoni, troppo forte!!!!!Ciao tina buon proseguimento...simona

    RispondiElimina
  2. Se vuoi, servitipure! Grazie. Tina

    RispondiElimina
  3. pensavo fosse commestibile... ci sono rimasta male!! complimenti bellissimo lavoro.Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Mi dispiace, si gusta solo con gli occhi. Tina

      Elimina
  4. Very beautiful panettone!! Great idea :-). Happy New Year!

    RispondiElimina
  5. Ma che belli i tuoi panettoni e grazie mille x la storia delle origini di questo dolce, che non conoscevo!
    A presto, un augurio di un buon 2014 grande dal Trentino alla Puglia :-)
    Mari

    RispondiElimina
  6. Grazie, la Puglia ed io ricambiamo con affetto gli auguri per un 2014 pieno di creatività e realizzazioni. Tina

    RispondiElimina
  7. Io la storia la conoscevo ma è sempre bello leggerla. Il panettone è uno spettacolo! troppo brava. Io e Alessandra ti auguriamo di passare una bella festa di fine anno e uno spettacolare 2014. Tanti auguroni, un abbraccio. A prestissimo!

    RispondiElimina
  8. Auguri anche a voi, di cuore. Tina

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. Grazie per essere passata e per le gentili parole. Tina

      Elimina

Grazie per essere state mie gradite ospiti. Mi farebbe piacere sapere cosa ve ne pare di quello che avete visto. E se vi è piaciuto..... ditelo alle amiche!
Thank you for being my kind guests. Your comment would be appreciated.